Testimoni di Geova

Evoluzione di un movimento religioso



Warning: Illegal string offset 'a_vote' in /home/figeova/public_html/ecrire/inc/session.php on line 95
34 votes

"Il Nazismo e i Testimoni di Geova" from GRIS CAMPOBASSO-BOJANO on Vimeo.


Il 27 gennaio è stato nominato dalle Nazioni Unite la “Giornata Internazionale della Memoria” dedicata alle vittime dell’Olocausto

La data scelta non è casuale: il 27 gennaio del 1945 i cancelli di Auschwitz venivano aperti dall’Armata rossa, e l’orrore dei lager svelato al mondo.

In varie parti del mondo, si celebra questo memoriale, a livello nazionale, in vari modi.

Anche i Testimoni di Geova, che hanno subito come gruppo le atrocità del Nazismo, ricordano le loro vittime in questo giorno particolare, indicendo ogni anno in molte città italiane, mostre e conferenze sul soggetto.

L’aspetto che questa registrazione mette in risalto, con tutto il rispetto per le vittime di qualsiasi gruppo o estrazione, incluso ovviamente le vittime tra i Testimoni di Geova, sono le ragioni o le motivazioni che hanno spinto il governo Nazionalsocialista di Hitler a perseguitare questo movimento religioso.

Non tutti sono d’accordo con le ragioni presentate dai Testimoni di Geova nelle loro pubblicazioni o invocate durante le loro conferenze che trattano del soggetto, durante il memoriale o in qualsiasi altro giorno dell’anno.

La registrazione qui presentata offre un’altra chiave di lettura delle motivazioni del caso, che differiscono da quanto comunemente preteso dai Testimoni di Geova stessi, esponendone le irrevocabili prove.

La registrazione consiste in un intervista sul tema “Il Nazismo e i Testimoni di Geova”, presentata da Bruno Di Benedetto rappresentante del GRIS di Campobasso e condotta dalla Dottoressa Fabiana Niro. L’intervistato è il Dottor Achille Aveta, giornalista e saggista, autore di molte opere sul movimento religioso dei Testimoni di Geova, tra cui, insieme a Sergio Pollina, “I Testimoni di Geova e la politica: martiri o opportunisti” nonché “Scontro tra totalitarismi: Nazifascismo e Geovismo”. Il Dottor Aveta ha anche curato la traduzione italiana dell’opera dello storico canadese James Penton “I Testimoni di Geova e il Terzo Reich”.


“Voi che vivete sicuri nelle vostre tiepide case, voi che trovate, tornando a casa, il cibo caldo e visi amici, considerate se questo è un uomo che lavora nel fango, che non conosce pace, che lotta per mezzo pane, che muore per un sì o per un no. Considerate se questa è una donna, senza capelli e senza nome, senza più forza di ricordare, vuoti gli occhi e freddo il grembo, come una rana d’inverno.

Meditate che questo è stato: vi comando queste parole. Scolpite nel vostro cuore stando in casa andando per via, coricandovi, alzandovi.

Ripetete ai vostri figli. O vi si sfascia la casa, la malattia vi impedisca, i vostri nati torcano il viso da voi.
- Primo Levi -> “Se questo è un uomo”.


Come conclude l’intervista presentata in questo video, va precisato che le riflessioni svolte durante questo programma non hanno avuto lo scopo di mettere in dubbio la sincerità e la buona fede dei comuni Testimoni di Geova durante il nazismo, piuttosto si è inteso discutere della politica attuata dai vertici del geovismo, che influì pesantemente sul comportamento dei Testimoni di Geova dell’epoca.

In conclusione i Testimoni di Geova – Bibelforscher furono oggetto di persecuzione da parte del regime nazista soprattutto per motivi che vanno ricercati in un contesto di forte contrapposizione ideologica tra nazismo e geovsmo. Inoltre, la dura repressione dei Testimoni di Geova tedeschi è da mettere in relazione con il mutevole e fortemente contraddittorio atteggiamento dei vertici del Movimento nei confronti del regime di Hitler.

Fin dagli anni Ottanta del secolo scorso, specialmente grazie all’impegno del professore James Penton, storico dell’università canadese di Lethbridge, sono stati divulgati documenti dai quali emerge una realtà alquanto diversa da quella che i sostenitori del geovismo tendono ad accreditare, cercando di inserire i Bibelforscher fra i martiri della Shoah, quando, più che martiri, essi dovrebbero essere definiti “vittime”, vittime dell’irragionevolezza del loro presidente Rutherford che, dopo aver tentato un accordo con il regime nazista, ne prese le distanze con una virulenza tale da sollevare l’orrenda reazione nazista, che portò alla morte alcuni suoi seguaci tedeschi.

Se, quindi, non può mai essere giustificata la morte di nessuno per le sue idee, ciò che accadde ai Testimoni di Geova durante il nazismo fu il risultato anche di una incoerente e deliberata scelta, peraltro contraddittoria, di opposizione dei vertici del Movimento a un regime sanguinario.


Ringraziamenti vanno a:
- la Dott.ssa Fabiana NIRO per la disponibilità offerta
- il Dott. Achille AVETA per la competenza con cui ha affrontato il tema e il rispetto usato nei confronti di quanti hanno perso la vita sotto il regime nazista
- il Prof. Bruno DI BENEDETTO presidente del GRIS di Campobasso per la ricerca documentaria
- l’operatore di ripresa e montaggio video Paolo PUNTALIVO
- il GRIS – Gruppo di Ricerca e Informazione Socio-religiosa, Arcidoiocesi di Campobasso-Bojano per aver autorizzato l’uso della registrazione su questo sito e sul relativo Blog.


Il DVD dal titolo “Il nazismo e i Testimoni di Geova” realizzato dal GRIS di Campobasso si colloca nella categoria dei documentari di Storia nel senso che con esso si propone al pubblico un’indagine condotta con metodo storico; inoltre, l’analisi proposta è originale perché si basa su alcuni documenti inediti e di prima mano. Oggetto dell’inchiesta è il controverso rapporto tra la confessione religiosa dei Testimoni di Geova e il nazismo; è notorio, infatti, che i Testimoni di Geova tedeschi (noti anche con l’appellativo di Bibelforscher) rimasero ancorati alla propria esperienza di fede negli anni della dittatura nazista, dal 1933 al 1945.

Che abbiano molto sofferto è fuori questione e, ovviamente, nel documentario si precisa ripetutamente che le vittime di ogni tipo di persecuzione meritano il massimo rispetto.

L’originalità del documentario risiede nel fatto che esso presenta un quadro completo e documentato delle ragioni per le quali i Bibelforscher furono perseguitati dai nazisti. Questa inchiesta è stata realizzata tenendo conto di un pubblico potenzialmente molto vasto; infatti essa svolge la duplice funzione, da una parte, di informare non solo gli spettatori in genere, ma anche gli stessi odierni Testimoni di Geova sulle ragioni della sofferenza e della morte dei loro confratelli durante il nazismo, e dall’altra, di arginare il tentativo di riscrittura di una parte importante della storia contemporanea.

  • Per gentile concessione del GRIS di Campobasso-Bojano - fonte: vedi nota in calce


GRIS Campobasso-Bojano
Copyright © 2009-2011 E’ consentito riprodurre gli articoli o parte di essi a titolo di cronaca, studio, recensione, purchè accompagnate dal nome dell’autore dell’articolo e dall’indicazione della fonte: gris-cb.blogspot.com/




Rispondere all'articolo


Warning: Illegal string offset 'statut' in /home/figeova/public_html/squelettes-dist/formulaires/forum.php on line 20
Forum solo su abbonamento

È necessario iscriversi per partecipare a questo forum. Indica qui sotto l'ID personale che ti è stato fornito. Se non sei registrato, devi prima iscriverti.

[Collegamento] [registrati] [password dimenticata?]

Suivre les commentaires : RSS 2.0 | Atom

cizcz

Home | A proposito | Soggetti | Testimonianze | Eventi | Riflessioni sulla Bibbia | Interazione | Altre lingue


© Copyright 2017