Testimoni di Geova

Evoluzione di un movimento religioso



Warning: Illegal string offset 'a_vote' in /home/figeova/public_html/ecrire/inc/session.php on line 95
1 vote

A quel punto Pastore Juan disse che era meglio andarsene. Mio padre disse: “Ti perdono Shawn, ma tu hai da fare alcuni cambiamenti. Devi ritornare all’organizzazione, e agire come loro richiedono”. Abbracciai mio fratello un’ultima volta, un abbraccio cuore a cuore. Poi presi la sua mano, la posai sul mio cuore e gli chiesi se sentiva battere il mio cuore. Gli dissi allora: “Danny, sono qui. Sono vivo. Non sono andato da nessuna parte. Son tuo fratello”.

Allora mi spinse con tanta forza che caddi all’indietro. Prese il suo telefono e compose il 911. Mi disse che il mio abbraccio era un assalto. Pastore Juan, mi prese per mano e ce ne andammo. Un mese più tardi ricevetti un mandato di comparizione al tribunale per un ordine restrittivo. Allora mi presentai al tribunale a Pomona House con il mio amico che si chiama anche Daniele. Quando ci presentammo davanti al giudice, che era una persona simpatica, ci guardò entrambi, mio fratello e me, e ci parlò in modo molto franco, come un padre. Ci disse: “Due settimane fa ho detto a mio figlio che l’avrei ammazzato perché mi ha sfasciato l’auto. Dovrei essere arrestato? Oppure mio figlio dovrebbe ricevere un ordine restrittivo contro di me? Poi guardai mio figlio e siamo scoppiati a ridere. Ora ragazzi, non potete semplicemente abbracciarvi e lasciare correre?” Dissi al giudice che non c’era nulla che desiderassi di più. Poi volse lo sguardo su mio fratello Danny, chiedendogli: “Veramente non vuoi più vedere tuo fratello finché muori”? Danny rispose: “Si, non voglio vederlo mai più”. Allora il giudice diede il suo giudizio sulla questione. Disse: “Per quanto riguarda l’ordine di restrizione, non vedo il bisogno di una tale azione. L’ordine restrittivo è rigettato dalla corte. Ma,” e mi guardò, “sig. Michael Shawn Dean, suo fratello ha dichiarato alla corte che non desidera più che lei lo contatti nel futuro, così io le suggerisco di stargli lontano, altrimenti se per caso ritorna davanti a questo tribunale, le attribuirò un bell’ordine restrittivo.”

In quel momento cominciai a singhiozzare e poi a piangere a dirotto. Mi alzai e andai incontro al mio amico che era rimasto nel corridoio. Ci fermammo per lasciar uscire mio fratello per primo. Poi camminai lungo il corridoio, il viso inondato di lacrime, una donna mi prese per mano e mi toccò il braccio teneramente. Ci fissammo negli occhi brevemente. Poi udii un’altra donna dire ad alta voce, chiaramente: “Dio mio, non posso credere a quello che questa religione fa ai propri membri!” Nella sala d’udienza vi erano circa 50-60 persone. Tutti furono testimoni della crudeltà dei Testimoni di Geova. E ormai è tutto scritto nei documenti del tribunale che mio fratello non vuole più vedermi. Ora è ufficiale!


Rispondere all'articolo


Warning: Illegal string offset 'statut' in /home/figeova/public_html/squelettes-dist/formulaires/forum.php on line 20
Forum solo su abbonamento

È necessario iscriversi per partecipare a questo forum. Indica qui sotto l'ID personale che ti è stato fornito. Se non sei registrato, devi prima iscriverti.

[Collegamento] [registrati] [password dimenticata?]

Suivre les commentaires : RSS 2.0 | Atom

cizcz

Home | A proposito | Soggetti | Testimonianze | Eventi | Riflessioni sulla Bibbia | Interazione | Altre lingue


© Copyright 2018